Chi siamo

Giovani, anziani, donne e uomini di tutte le età, che vivono in diversi posti del pianeta, possono incontrarsi, a tutte le ore, per pregare e promuovere insieme la spiritualita’ di comunione (cf. NMI, 42).

Che la ricerca di Dio, già intrapresa o rimasta inespressa nel profondo del cuore, riservi anche a te la scoperta di risorse di vita sinora impensate?
Che la vita di preghiera e l’annuncio quotidiano del Vangelo nel proprio ambiente si possano sperimentare anche se ci si trova a vivere in politica, nel mondo manageriale o della finanza, come semplice casalinga o insegnante, in ottime condizioni di salute o con forti limitazioni dell’autonomia personale?
Molte persone avvertono l’esigenza di pregare insieme a qualcuno, ma sono praticamente impossibilitate a farlo anche a causa dalla cultura dominante.
Una cultura che tende a relegare nel privato individuale la risposta a un’esigenza profonda, e di cui si legge nel Vangelo di Matteo (18,19):
“In verità vi dico ancora: se due di voi sopra la terra si accorderanno per domandare qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli ve la concederà “.
Se non si ha la fortuna di abitare nei pressi di un monastero, persone credenti che, nei momenti di effettiva disponibilita’ di tempo, si vogliano sintonizzare con almeno un altro – che condivida il medesimo desiderio – sulle frequenze della preghiera in comune, sono solitamente “costrette” dai ritmi e dalle modalità della vita moderna a praticare la preghiera individuale.
Certo, questa è splendida (e necessaria) e Gesù ne parla con gioia. Con gioia altrettanto grande, però, Egli afferma anche: “…dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro” (Mt 18,20).

Questo sito offre una piccola, ma sorprendentemente efficace, soluzione al problema delle distanze e della concordanza nei tempi da riservare alla preghiera: un collegamento via internet mediante connessione a banda larga (adsl), il testo della Liturgia delle Ore tra mano (ma esiste pure on-line), il software giusto (e gratuito) ed ecco, a portata di clic (e di cuffie-microfono), l’opportunità di pregare, fare insieme la Lectio, condividere impressioni, esperienze, iniziative di evangelizzazione nella Rete e non.

L’esperienza, accompagnata da un sacerdote cattolico, ha visto la luce nel gennaio del 2006. Egli, tenendola a battesimo, ci ha scritto:

“..davvero, lo spazio di internet puo essere una Cattedrale virtuale in cui raccogliersi come Chiesa ed elevare le lodi di Dio. Credo che la vostra intuizione sia formidabile; mi auguro che possa essere benedetta da Dio, accolta dalla Vergine Maria e germinare tanti frutti di amore e consolazione”.

Così sia!